Home » Green Engineering » Permacultura: vediamo di cosa si tratta.

Permacultura: vediamo di cosa si tratta.

18 gennaio 2017

Ancora poco, da noi, si parla di permacultura, od anche “permanent culture”, ossia coltivazione permanente secondo quelli che sono gli adattamenti naturali proposti da Bill Mollison e da David Holmgren a metà degli anni ‘70 per descrivere un sistema integrato, evolutivo e perenne di specie vegetali ed animali che vivono insieme all’uomo.

In Italia si è iniziato a parlare di permacultura solo dal 2000 e con il passare del tempo, il termine si è trasformato in cultura permanente fino a diventare oggi la base dell’ecologia applicata. All’estero così come in Italia ci sono diversi esempi d’eccellenza in alcune aziende agricole che hanno suddiviso i propri spazi in aree produttive, ricreative, sensoriali secondo il principio della zonizzazione, di cui parleremo a parte in un’ altra nota integrativa.

Il principio applicativo della permacultura è quello di osservare un bosco, la sua crescita e trasformazione nel tempo. Il bosco è ricco di biodiversità, produce biomassa e ricicla le sostanze nutritive: in poche parole si sostiene autonomamente.

Pertanto l’orto, il giardino, il terrazzo di casa potrebbero seguire queste regole ma anche i villaggi rurali, le abitazioni private di campagna, al mare o in montagna. Volendo pensare positivo anche i piccoli borghi potrebbero essere pensati tenendo conto della vegetazione circostante in modo che ciò che è autoctono diventi giardino e gli edifici siano progettati in armonia con ciò che già esiste.

Insomma il “genius loci” tanto riportato dai paesaggisti inglesi e francesi oggi è sicuramente la chiave di volta di questo nuovo tipo di progettazione del territorio integrata con l’ambiente ed i suoi elementi. Il valore estetico, produttivo, sostenibile, a bassa manutenzione di questa permacultura potrebbe essere la svolta per mantenere o riportare la Natura in città e contribuire al miglioramento degli stili di vita di ciascuno di noi: non saremmo più “predatori” o “parassiti” ma “sostenitori” degli ecosistemi naturali.

Per saperne di più scarica questa guida introduttiva:

http://www.permacultura.it/index.php?option=com_content&view=article&id=4&Itemid=2

 

Per info e corsi introduttivi scrivimi su info@mariantoniettatudisco.it

Mariantonietta TudiscoVisualizza tutti i Posts

Una persona eclettica e sognatrice. Ama la Natura e vivere all'aria aperta. Ha tante competenze e si è sempre ben espressa in ogni ambito lavorativo che ha richiesto lavoro di equipe. Si occupa di progettazione ambientale per il pubblico ed il privato, di agriturismo e fattorie didattiche, di consulenza alle imprese, agli enti o agli agricoltori, di formazione post diploma con enti accreditati, di animazione del territorio e proposte di itinerari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *