Home » Lifestyle » Progetti con le scuole: una scommessa vincente

Progetti con le scuole: una scommessa vincente

11 gennaio 2017

I laboratori didattici proposti in questi anni alle scuole hanno avuto vari ambiti educativi: riciclo e favolazione, fattorie didattiche, storia e cultura melfitana, natura. In questa nota vi parlerò solo dei più recenti realizzati con il piano di diritto allo studio del Comune di Melfi.

La bottega dei ricordi” ha previsto la realizzazione di un teatro dei burattini attraverso la favolazione di racconti di varie etnie del mondo.

Sono stati coinvolti i bambini delle classi II° della scuola primaria del II° Circolo “Marottoli”, i bambini della scuola dell’infanzia e la pluriclasse di Foggiano e Foggianello – plessi dell’Istituto Comprensivo “Berardi”, i bambini della scuola dell’infanzia e la pluriclasse di Leonessa – plesso dell’Istituto Comprensivo “Ferrara”.

Le fasi del progetto sono state:

– RACCONTO DELLA FAVOLA ( una diversa per ogni classe)

– REALIZZAZIONE DEI BURATTINI E/O DELLE SAGOME

– DRAMMATIZZAZIONE

– MANIFESTAZIONE FINALE con la presentazione a tutti i bambini partecipanti e ai loro genitori del lavoro di ciascuna classe (9 racconti in tutto) nella sala consiliare del Comune di Melfi

– MOSTRA DIDATTICA sulle varie fasi di realizzazione del progetto.

 

“Art…in” è stato un progetto che ha coinvolto l’Associazione “Fattorie didattiche della Lucania” per proporre alle scuole ed alle famiglie il lavoro che in questi anni le aziende agricole stanno facendo per aprirsi al territorio.

Sono state previste le seguenti attività:

  1. il coinvolgimento delle scuole con la partecipazione al concorso sui disegni “La mia fattoria la vorrei così” che ha visto protagoniste le seguenti scuole: I° Circolo “Nitti” di Melfi, II° Circolo “Marottoli” di Melfi, Istituto comprensivo “Berardi” di Melfi, Istituto comprensivo “Caselle” di Rapolla, Istituto comprensivo “Deledda” di Barile. L’entusiasmo per l’iniziativa è stato tale da ricevere ben 363 disegni sistemati poi nella Sala Mostre del Comune di Melfi. I primi tre disegni sono stati premiati da Uccio de Sanctis con un cestino di prodotti tipici offerti dalle aziende agricole partecipanti all’iniziativa;
  2. la preparazione della colazione contadina come “Coffee Break” durante il convegno su: “La sicurezza nei luoghi di lavoro” organizzato dall’ordine degli avvocati e dei tecnici del settore;
  3. la realizzazione dei laboratori didattici legati alle specifiche attività di ogni azienda: i giochi antichi (agriturismo Sant’Agata), dal latte al formaggio (azienda agricola Iungano), gli attrezzi della cultura contadina (agriturismo Carpe diem), il giardino degli aromi (masseria Ferrenti), creare con la natura (masseria Cafiero), cardatura e tessitura della lana (agriturismo Bioagrisalute), l’arte della falconeria (agriturismo Il tratturo regio). I protagonisti principali sono stati gli alunni delle scuole ma anche gli adulti hanno riscoperto vecchi ricordi;
  4. lo svolgimento dello spettacolo comico con Uccio De Sanctis presso l’Aula consiliare del Comune di Melfi che ha donato tanto buon umore ed allegria a quanti hanno partecipato.

 

“Alla corte di Federico” ha previsto:

-incontri preliminari per far conoscere la figura di Federico II da bambino attraverso attività ludiche;

– attività di laboratorio (giochi e ricette medievali; spezie e sacchetti profumati; riciclo del materiale differenziato per realizzare bracciali, candelieri, castelli, fiori, semenzai, animali del serraglio, strumenti musicali, vasi, portaspezie);

– manifestazione finale “La giostra dei bambini” a cui hanno partecipato le seguenti classi:

II° A – B – C – D del I° Circolo didattico “Nitti” di Melfi

II° A – B – C del II° Circolo didattico “Marottoli” di Melfi

II° A- B del del II° Circolo didattico “Marottoli” – plesso Cappuccini – Melfi

pluriclasse dell’Istituto comprensivo “Ferrara” – plesso di Leonessa – Melfi

pluriclasse dell’Istituto comprensivo “Berardi” – plesso di Foggiano – Melfi

LA GIOSTRA DEI BAMBINI” è stata la manifestazione finale di questo progetto e si è tenuta al Castello di Melfi dove le nove contrade che hanno realizzato vari tipi di attività tipiche dell’età medievale hanno giocato all’interno della corte. È stato un vero e proprio gioco di colori e suoni oltre che effetti scenici legati alla figura di Federico II da bambino ed al suo piacere di osservare le stelle.

 

“Il grande libro della natura racconta” è stata la manifestazione che ha visto la presentazione del libro “Le voci del silenzio”: una raccolta di foto dei più bei fiori del Vulture accompagnati da poesie ed è avvenuta nel corso della fiera del Libro per ragazzi a Melfi nel 2008.

La manifestazione è stata curata dalla “Compagnia delle Tre Lune” che ha cercato di valorizzare il M. Vulture, per le ricchezze che esso contiene, con la presentazione di un video ed una poesia.

Per avvicinare i ragazzi all’elemento Natura sono stati riproposti gli INDIANI D’AMERICA che da sempre l’hanno rispettata ed amata. Ai ragazzi sono stati proposti dei laboratori per creare l’acchiapasogni, visitare un te-pee, disegnare attrezzature ed elementi indiani, uno spettacolo di burattini e la proiezione di un filmato introduttivo.

 

Nei vari anni con le fattorie didattiche abbiamo proposto nelle scuole i seguenti progetti che fanno riferimento alle varie attività produttive locali:

a) Dalle olive all’olio e ai saponi per osservare le fasi di raccolta e lavorazione delle olive, l’utilizzo del residuo per fare saponi semplici o aromatizzati alle erbe/frutta/fiori (ottobre-novembre-dicembre)

b) Dall’uva al vino e mosto cotto per partecipare alle fasi di raccolta e trasformazione dell’uva e del mosto secondo le antiche tradizioni (settembre-ottobre)

c) Dal latte ai formaggi per far osservare le varie fasi di lavorazione del latte e degustare il prodotto direttamente in azienda

d) Dalle carni ai salumi per far partecipare alle varie fasi di lavorazione delle carni e per la degustazione del prodotto direttamente in azienda

e) Dal grano ai prodotti da forno per trasformare la farina direttamente in azienda ed imparare a realizzare pane, pasta, dolci, focacce di ogni tipo legate alle tradizioni culturali di questi luoghi

f) Dalla frutta alle marmellate e liquori per trasformare la frutta, etichettare il prodotto realizzato e portarlo via quale risultato del proprio lavoro

g) Dal miele alle caramelle-torrone-candele per scoprire il magnifico mondo delle api ed osservare con attenzione le varie fasi di smielatura, invasettamento, etichettatura ma anche la trasformazione in caramelle e torroni o utilizzare la cera per inventare forme di candele inusuali

h) Dagli ortaggi e verdure alle conserve per imparare a trasformare i prodotti della terra secondo antiche ricette ben custodite

i) I coloranti naturali per estrarre coloranti naturali per tessuti o lane da cortecce degli alberi, foglie e fiori

l) Itinerario del bosco per seguire sentieri del Vulture e scoprire la biodiversità che caratterizza i vari ecosistemi

m) Laboratorio del riuso per riutilizzare scarti delle potature in maniera creativa e realizzare tanti oggetti utili per abbellire dei luoghi o per preparare giochi e passatempi

n) Itinerario dei prodotti bio per verificare le varie fasi di semina, produzione e trasformazione che sono necessarie perché un prodotto sia garantito a tutela del consumatore finale

o) Dalla lana alla cardatura-tessitura del feltro per cardare, filare, colorare la lana ed il tessuto realizzato.

p) Itinerario dell’energia pulita per valutare l’impatto energetico sulla vita dell’uomo, i terreni che non possono più essere coltivati per la loro giacitura diventano oggi un’importante risorsa per la comunità tutta

q) Itinerario della sana e corretta alimentazione per comprendere le abitudini alimentari e scoprire eventuali errori e correggerli.

Per eventuali consulenze contattatemi su info@naturavventura.com

Mariantonietta TudiscoVisualizza tutti i Posts

Una persona eclettica e sognatrice. Ama la Natura e vivere all'aria aperta. Ha tante competenze e si è sempre ben espressa in ogni ambito lavorativo che ha richiesto lavoro di equipe. Si occupa di progettazione ambientale per il pubblico ed il privato, di agriturismo e fattorie didattiche, di consulenza alle imprese, agli enti o agli agricoltori, di formazione post diploma con enti accreditati, di animazione del territorio e proposte di itinerari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *